The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

La Svezia ha chiesto il sostegno dei Paesi Bassi per istituire un tribunale internazionale per giudicare i cittadini che hanno combattuto con le forze dell’IS, ha scritto NRC mercoledì.

Il ministro degli interni della Svezia, Mikael Damberg, ha detto in un’intervista fare lobby per un tribunale internazionale per giudicare i combattenti IS o di origine europea nella regione.

Damberg ha detto che dopo i colloqui con il ministro della giustizia olandese Ferd Grapperhaus c’è “spazio” per ulteriori discussioni su come un tribunale opererebbe.

La Svezia ha organizzato un vertice a Stoccolma il 3 giugno, dove paesi come Paesi Bassi, Gran Bretagna e Francia possono scambiarsi opinioni. “C’è uno slancio all’interno della famiglia europea”, ha detto. La Svezia, come i Paesi Bassi, è alle prese con il problema di cosa fare con i suoi cittadini che sono andati nel territorio dell’Is e ora vogliono tornare indietro.

Per il momento ci sono 55 adulti olandesi, tre quarti donne, che vivono in campi curdi-siriani in detenzione, insieme ad 85 bambini, ha detto il servizio di intelligence AIVD all’inizio di questo mese. Circa 300 cittadini olandesi sono arrivati ​​nell’ex califfato ISIS, 90 sono morti e 60 sono tornati nei Paesi Bassi. Il governo olandese non vuole che i jihadisti olandesi tornino nei Paesi Bassi, nonostante un appello dell’ombudsman dell’infanzia all’inizio di quest’anno per aiutare i bambini a tornare. I jihadisti olandesi possono attualmente tornare nei Paesi Bassi solo se riescono, da soli, a raggiungere un consoltato o un’ambasciata olandese.