Sono i tassi di interesse più elevati sui conti di risparmio ad attirare i risparmiatori olandesi verso le banche estere. Banche estoni, italiani, tedesche, francesi e slovacche hanno visto un forte aumento di clienti olandesi da quando la Banca Centrale Europea ha cancellato gli interessi negativi a luglio.

Come riportato da NOS, l’aumento dei tassi di interesse annunciato dalla BCE non farà altro che aumentare questa tendenza.

Le banche olandesi stanno cercando di correre ai ripari aumentando leggermente i tassi di interesse sui risparmi. Rabobank offre ora lo 0,1 per cento di interessi sui risparmi fino a 100.000 euro e il 1,5 percento sui risparmi fissi per cinque anni.

I tassi di interesse di ING e ABN Amro per risparmi fino a 100.000 euro sono fissi sia dello 0,0 percento che dell’1,1 percento.

Questo però non sarebbe sufficiente. Alcune banche estere hanno aumentato i loro tassi  in modo più significativo, determinando una differenza di circa lo 0,65% sui conti di risparmio regolari e fino al 2% per i fixed-term.

Bigbank, una banca estone attiva nei Paesi Bassi dal 2012, offre attualmente il tasso di interesse più alto dei Paesi Bassi allo 0,65% sui risparmi regolari e al 2,85% sui risparmi fissi per cinque anni. La banca ha anche accolto un numero significativamente maggiore di clienti olandesi nell’ultimo anno. “Il numero di clienti olandesi è cresciuto del 78%”, ha detto un portavoce.

Questo porta alla memoria il fallimento della Icesave. La banca islandese, che ha attirato circa 100.000 clienti olandesi con tassi di interesse relativamente alti, e che è fallita nell’ottobre 2008 durante la crisi finanziaria. I clienti olandesi hanno impiegato sei anni per recuperare i loro risparmi. Tuttavia bisogna tener conto che ora ci sono più garanzie in atto di quante ce ne fossero con la debacle dell’Icesave.

Dal 2010, la banca centrale di ogni paese dell’UE deve garantire fino a 100.000 euro per ogni titolare di conto, chiamato regolamento di garanzia dei depositi. I clienti stranieri possono anche rivolgersi alla banca centrale per riavere i propri risparmi in caso di bancarotta. La banca centrale deve rimborsare il denaro entro dieci giorni.

In ogni caso mettere i propri risparmi in una banca straniera non è un’operazione priva di rischi. Non tutti i regolatori sono ugualmente severi per quanto riguarda la salute delle banche e non tutti i paesi mettono da parte la stessa quantità di denaro nei propri fondi di garanzia. I risparmiatori olandesi dovranno, in caso, anche destreggiarsi con la burocrazia straniera per rivendicare i propri risparmi