The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Taglio agli stipendi o stop sussidio Corona a KLM. La compagnia a rischio bancarotta

Alf van Beem, CC0, via Wikimedia Commons

Stop ai sussidi a KLM? Se l’attuale stallo tra sindacati e governo non verrà superato, l’esecutivo ritirerà il piano di aiuti di 3,4 miliardi di euro e la compagnia di bandiera potrebbe rischiare la bancarotta, ha detto il ministro delle Finanze Hoekstra, in una lettera alla Tweede Kamer. “Lo trovo molto deludente, ma non possiamo continuare con quel prestito”, ha detto il ministro.

L’azienda ha avuto grossi problemi finanziari a causa del coronavirus e della quasi cessazione del traffico aereo internazionale e afferma di non poter andare avanti senza l’aiuto dello Stato, dice NOS.

Ma l’esecutivo non vuole dare altri soldi se tutti i dipendenti di KLM non rinunciano ad un taglio quinquennale dello stipendio. Il gabinetto aveva precedentemente fissato questo termine di cinque anni come condizione per fornire aiuto ma il sindacato dei piloti VNV ha rifiutato i termini dell’accordo: oggi c’è stato un altro incontro tra KLM e i sindacati, ma senza risultato.

KLM ha già ricevuto molto sostegno rispetto ad altre società olandesi. “Quello che facciamo è nell’interesse dei Paesi Bassi, ma deve essere equo. Si tratta di soldi dei contribuenti”.

VNV non vuole impegnarsi in tagli fino al 2025. “Questo aggiustamento specifico al nostro accordo non può essere realizzato in questo momento”, ha scritto il sindacato  in una dichiarazione. L’equipaggio di cabina e i tecnici dell’aviazione sono disposti a sacrificare cinque anni di stipendio.

La direzione di KLM ha lanciato un altro appello questo pomeriggio per accettare la richiesta del gabinetto: “Nell’interesse dei suoi membri, di tutti i dipendenti KLM e del futuro dell’azienda”, ha affermato il vertice. Se non ci saranno aiuti di Stato, l’azienda con 30.000 dipendenti quasi sicuramente fallirà.