NL

NL

Suicidio assistito, il D66 lavora a legalizzare la dolce morte per anziani “stanchi di vivere”

All’inizio del prossimo anno il D66 presenterà una proposta legislativa per rendere possibile il suicidio assistito alla fine di una vita che ha “completato il suo corso”, ha dichiarato il parlamentare Pia Dijkstra in un’intervista al giornale AD. Il suicidio assistito, in questo caso, riguarderebbe persone anziane non necessariamente in stato di salute precario. Il disegno di legge è un tema delicato per i partiti cristiani e i partner della coalizione CDA e ChristenUnie, secondo il giornale.

Il governo Rutte III sta attualmente indagando sulla possibilità di assistenza per gli anziani che sono stanchi di vivere. Ma secondo DIjkstra, il ministro della sanità CDA Hugo de Jonge non sta lavorando abbastanza velocemente. “Lo trovo molto spiacevole. Il ministro sente chiaramente l’urgenza meno di me”, ha detto al giornale. “Le persone anziane che soffrono devono avere l’opportunità di morire in un momento da loro deciso.

Dijkstra ha citato suo padre di 92 anni come esempio. Non vuole finire in una situazione in cui non può più prendersi cura di se stesso. “Lo rassicurerebbe avere la scelta di concludere il suo percorso, se lo desidera”, ha detto.

La parlamentare D66 è quindi determinata a presentare il disegno di legge il prima possibile, sebbene sappia che ci vorrà del tempo prima che venga discusso. “Un piano del genere richiede molte consultazioni e discussioni in parlamento. Non è una legge facile”, ha detto a AD.

Attualmente l’eutanasia è possibile solo per persone che soffrono a causa di una condizione medica. La proposta di rendere possibile l’eutanasia agli anziani al termine di una vita “piena” e “completata” è stata presentata anche durante il precedente mandato del governo VVD-PvdA. “Non dovrebbe coinvolgere persone sole o depresse. Non per le persone con problemi che sarebbe possibile risolvere in un modo diverso”, disse l’allora ministro della sanità Edith Schippers. La proposta aveva il sostegno della maggioranza in parlamento, ma non al Senato.

I partiti cristiani sono tassativamente contrari ad espandere in questo modo il concetto di eutanasia. I politici cristiani dell’Aja hanno detto ad AD che “seppelliranno” questa proposta. Gli oppositori del suicidio assistito alla fine di una vita completa sostengono che gli anziani dovrebbero invece essere aiutati a ritrovare un senso nella loro vita.

Nell’accordo di governo del Rutte III, i quattro partiti hanno convenuto che non saranno prese nuove misure nel campo dell’etica medica. Su richiesta di CDA e ChristenUnie, l’accordo di governo stabilisce anche che verrà prestata maggiore attenzione all ‘”assistenza alla vita” anziché “assistenza alla morte”. Dall’altro lato, VVD, CDA, D66 e ChristenUnie hanno anche concordato che il governo approfondirà l’attuale legge sull’eutanasia entro la prossima estate. Il governo ha già lanciato una campagna per aiutare i malati terminali a discutere l’ultima fase della loro vita con la famiglia e gli amici.

SHARE

Altri articoli