Armand Girbes, capo dell’Unità di terapia intensiva (IC) presso l’UMC di Amsterdam trova incomprensibile la decisione del ministro de Jonge di non iniziare con il terzo richiamo anti Covid fino a dicembre, dice AT5. La campagna è già iniziata nei paesi vicini ma non in Olanda Non c’è più tempo da perdere, afferma Girbes: tre quarti dei letti in terapia intensiva per i malati Covid all’Amsterdam UMC sono già occupati e il numero di ricoveri continua ad aumentare.

“Vorrei chiedere al governo di iniziare con la terza dose subito”, ha detto Armand Girbes.”I vaccini sono pronti, quindi cosa stiamo aspettando? Il miglior trattamento anti-terapia intensiva è la prevenzione. Ecco perché è importante dare ai gruppi ad alto rischio quella dose di richiamo il prima possibile. Il fattore di protezione della vaccinazione Covid diminuisce molto rapidamente. Questo non è affatto inaspettato, ma è stato dimostrato in numerosi studi e pubblicazioni”.

Girbes sa dai colleghi di paesi che hanno iniziato molto rapidamente con le prime vaccinazioni, come Israele e che la terza dose può avere un effetto importante. E pensa che l’iniezione sia necessaria per ridurre la pressione sull’assistenza sanitaria e limitare i danni alla salute degli altri pazienti.