Dei 22 milioni di vaccini che i Paesi Bassi si erano impegnati a fornire ai paesi in via di sviluppo entro la fine dell’anno, solo poche centinaia di migliaia saranno effettivamente distribuiti. “Questo è ovviamente troppo poco”, ha detto questa mattina il ministro De Bruijn alla Kamer.

Dopo aver parlato con NU.nl, il ministro per il Commercio estero e la cooperazione allo sviluppo ha convenuto che c’è una grande differenza “tra le promesse e ciò che viene mantenuto” ma ha aggiunto di voler affrontare in fretta il problema, dice COVAX.

Oltre 16 milioni di vaccini sono stati forniti dai produttori ma secondo il ministro sono stati affidati a COVAX, che li distribuirà e di quei 16 milioni, poche centinaia di migliaia sono stati dati al Laos, tra gli altri.”

De Bruijn è d’accordo con la Kamer che è troppo poco e che ci vuole troppo tempo. “Questo è sicuramente un processo che deve essere accelerato”.

In totale, i Paesi Bassi hanno promesso 27 milioni di vaccini ai paesi a basso reddito: cinque milioni di questi sono stati dati  a paesi come il Suriname e l’Indonesia.

Gli altri 22 milioni di dosi sono destinati a COVAX, a cui l’Unicef ​​​​​​partecipa.