La crisi Covid sta aumentando le differenze tra i giovani sul mercato del lavoro: i  laureati all’università o college avevano già buone possibilità di trovare un impiego e queste possibilità sono solo aumentate. L’opposto vale per i giovani con una formazione professionale a livello di MBO: avevano già poche possibilità di trovare lavoro e questa possibilità  è ulteriormente diminuita, sebbene la situazione differisca notevolmente per settore.

Questo quadro è evidente dalla ricerca di SEO Economisch Onderzoek: l’estate scorsa, l’agenzia  ha confrontato le opportunità di lavoro di centinaia di migliaia di giovani neolaureati di età compresa tra 16 e 30 anni con la situazione prima della pandemia: “In generale, vediamo che il mercato del lavoro mostra molta resilienza”, afferma Bas ter Weel, direttore di SEO a NOS Radio 1. “Questo perché non è una crisi economica, ma una crisi sanitaria”, dice NOS.

In generale, i programmi MBO a orientamento professionale formano per una professione specifica, afferma Ter Weel, mentre i programmi di istruzione professionale superiore e università sono più generici. Ciò significa che i giovani con una tale istruzione sono più agili sul mercato del lavoro. Secondo Ter Weel, la formazione professionale per il lavoro in sanità, tecnologia o ICT offre buone possibilità di trovare un lavoro.

L’anno scorso, secondo il sondaggio, sono entrati nel mercato del lavoro 23mila giovani in meno del previsto.