Studio, mangiare pesce riduce il rischio di demenza e Alzheimer

Secondo uno studio pubblicato di recente da un team internazionale di ricercatori, tra cui Ondine van de Rest del Wageningen University, presso il Rush University Medical Center di Chicago, mangiare almeno una porzione di pesce a settimana riduce il rischio di Alzheimer o disturbi di demenza, così riporta il sito nu.nl

Dal 1997, i ricercatori svolgono ricerche su anziani nella zona di Chicago, monitorando le loro abitudini alimentari e altri fattori del loro stile di vita. I 286 partecipanti sono stati esaminati per il disturbo di demenza e malattia di Alzheimer. I ricercatori hanno scoperto un minor numero di marcatori di queste malattie nel cervello delle persone anziane che mangiano pesce almeno una volta alla settimana rispetto al gruppo che ha consumato poco o niente.

“Questo è il primo studio in cui siamo stati in grado di esaminare il cervello di pazienti, per la presenza di marcatori di demenza e malattia di Alzheimer”, ha detto Van de Riposo. “Che dà una visione obiettiva della correlazione con il consumo di pesce.”

Sorprendentemente, il legame tra pesce e demenza era presente solo nei portatori di un particolare gene che può portare a un maggiore rischio di Alzheimer o demenza. Un ulteriore studio dovrebbe determinare se mangiare pesce, effettivamente, ha un effetto benefico per le persone con questa predisposizione genetica.

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli