L’efficacia del vaccino di Pfizer/BioNTech contro il Covid, scende dal 96% all’84% dopo sei mesi, riporta il sito di notizie Statnews. I risultati sono in una pubblicazione di uno studio non ancora esaminati da scienziati diversi da quelli responsabili dello studio stesso, dice NOS.

La ricerca è stata condotta su oltre 44.000 soggetti e dimostrerebbe che il vaccino diventa in media il 6% meno efficace ogni due mesi: nei primi due mesi dopo la somministrazione, è efficace per oltre il 96% contro l’infezione da virus corona.

Questo risultato potrebbe sostenere la richiesta del produttore Pfizer, che da tempo sottolinea che potrebbe essere necessaria una terza vaccinazione per una protezione ottimale contro il virus.

Se l’efficacia del vaccino continuasse a diminuire al tasso osservato nello studio, sarà al di sotto del 50% dopo un anno e mezzo. Questo è il valore limite per i vaccini, al di sotto del quale si ritiene che non offrano più una protezione sufficiente contro le infezioni.