Più di metà delle persone che hanno contratto il coronavirus si sono probabilmente infettate in ambienti chiusi o negli ambienti che frequentano più spesso, ha affermato il Volkskrant in un’analisi della situazione epidemiologica dell’Istituto sanitario nazionale RIVM.

Dalle 5.485 infezioni che le organizzazioni sanitaria locali sono state in grado di rintracciare da maggio, 3.000 sono state il risultato del contatto tra parenti mentre 1.000 potrebbero essere ricondotte alle case di cura. Altri 1.000 erano dovuti a contatti nell’ambiente di lavoro.

Ciò significa che il modello di contagio sembra essere simile al virus dell’influenza, che salta da una persona all’altra a causa di un contatto intenso e stretto negli ambienti diretti delle persone, afferma il documento.

Tuttavia, oltre 4.000 persone hanno dichiarato alle commissioni sanitarie che non avevano idea di dove potessero aver preso l’infezione. Le cifre potrebbero anche essere distorte poiché eventi , come prove del coro, feste al chiuso o nei ristoranti, non sono ancora stati consentiti e potrebbero esserci anche altri fattori sconosciuti.

Il documento ha anche esaminato gli effetti dell’allentamento delle restrizioni nelle ultime due settimane. Dal 22 giugno la maggior parte delle infezioni, circa il 55%, si è verificata in casa. Una persona su 10 ha contratto l’infezione al lavoro mentre una su 5 è stata infettata da un parente.

Nessuno ha contratto il virus in un bar, in un ristorante o in chiesa durante quelle due settimane, mostrano le cifre. 3 persone lo hanno contratto da un altro cittadino che usava i mezzi pubblici e 7 in un club sportivo. Altri 3 potrebbero averlo preso nell’infermeria di una scuola materna.

Meno di 50 infezioni sono state rilevate in quel periodo nelle case di cura, a causa del calo complessivo delle infezioni a livello nazionale, ha detto la professoressa Bianca Buurman al giornale.

All’aperto

Il virologo clinico Louis Kroes ha affermato che le cifre mostrano che all’aperto il virus è stato trasmesso in misura minore. “Il tempo è stato bello e molte persone si sono radunate così come mostrano le foto pubblicate dai giornali. Ma nonostante la folla, non c’è stata alcuna infezione che può essere attribuita ad eventi all’aperto”, ha detto al giornale.

Tuttavia Kroes ha ammesso che non tutte le infezioni possono essere ricondotte alla loro fonte. Questa settimana l’organizzazione mondiale della sanità e il RIVM hanno ammesso che piccole particelle di virus sospese nell’aria potrebbero essere una strada per l’infezione e dovrebbero essere prese sul serio.