Gli agenti sotto copertura sono lasciati troppo a se stessi e viene prestata troppo poca attenzione alla loro salute mentale: è quanto emerge da una relazione del sindaco ed ex pubblico ministero Oebele Brouwer, realizzata nell’ambito di un’indagine su un caso di suicidio di un agente sotto copertura A-4265 durante una lunga operazione, dice NOS.

L’agente doveva pedinare un narcotrafficante e il suo suicidio sarebbe collegato con il suo lavoro di agente, dice il rapporto: il poliziotto avrebbe avuto una relazione con la partner del sospettato. Ad un certo punto, anche i bambini sono stati usati per fare il gioco della polizia. “Completamente inaccettabile”, ha detto il comitato.

I rischi associati all’operazione sotto copertura, durata oltre un anno non sono stati adeguatamente valutati, si legge, e i segnali che l’agente sotto copertura non stesse bene sono stati “affrontati in modo inadeguato”. Ad esempio, dopo più di sei mesi, un collega ha sollevato il problema che il poliziotto si  fosse avvicinato troppo alla moglie del sospettato. Ma l’infiltrato ha negato che fosse successo qualcosa e la polizia non è intervenuta.

Secondo il rapporto, il fatto che le cose possano andare così male a Zevenbergschen Hoek è dovuto al fatto che la polizia presta troppo poca attenzione alla salute mentale e all’integrità degli infiltrati. Inoltre non ci sono accordi di lavoro chiari e c’è poca supervisione dei dipendenti e delle operazioni, dice NOS.