The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Studenti olandesi insoddisfatti per l’educazione sessuale a scuola: aspetti relazionali e questioni LGBTIQ poco discusse

In Olanda, gli adolescenti si dichiarano insoddisfatti sull’educazione sessuale ricevuta a scuola. Rutgers and Sia Aids Nederland hanno effettuato una ricerca: gli studenti valutano l’educazione sessuale scolastica con un punteggio medio di 5,8. Gli studenti Olandesi hanno dichiarato di voler ricevere più informazioni riguardo l’omossesualità e la diversità sessuale. Inoltre i ricercatori hanno rivelato che molti giovani vogliono sapere come trattare l’altra persona in una relazione o durante il sesso.

Il centro di conoscenza Rutgers ha richiesto a diciassette giovani ricercatori di intervistare un totale di 300 alunni. La ricerca ha dimostrato che gli studenti olandesi considerano l’educazione sessuale importante. Tuttavia il programma attuale è considerato troppo limitato. Sorpendentemente, nessun adolescente l’ha dichiarata superflua.

L’educazione sessuale è insegnata durante le classi finali della scuola elementare e agli inizi della scuola secondaria. Tuttavia, gli studenti sentono il bisogno di fare una “ripasso” anche dopo. Così dichiara il co-ricercatore diciannovenne Izy Dekker. “Nelle classi inferiori, gli alunni vogliono informazioni concrete sull’anatomia e gli aspetti pratici del rapporto sessuale,” ha dichiarato. “Nelle classi superiori, c’è bisogno di una ripasso e di più informazioni sugli aspetti relazionali e sociali.”

Molti alunni diventano attivi sessualmente solo dopo la fine del primo ciclo di studi e per questo è importante che gli studenti possano fare domande anche dopo, dichiarano i ricercatori. Oggigiorno, gli adolescenti entrano in contatto con questo tipo di informazioni attraverso i siti pornografici. Il 41% dei ragazzi dai 12 ai 14 anni sono entrati in contatto con la pornografia, il 7% le ragazze. “L’educazione sessuale è necessaria per istruire gli studenti. Nel caso il porno diventasse l’unica fonte di informazione, si potrebbe creare un’idea sbagliata della realtà,” Dekker dichiara.

Giovedì passato, gli insegnanti hanno incontrato il ministro per esprimere delle considerazioni. Idee su come il programma possa essere modificato sono state discusse.