Un ex studente su cinque fa fatica a ripagare il prestito universitario, ha affermato l’emittente NOS mercoledì, basandosi su proprie indagini.

Ciò significa che non ci sono stati significativi cambiamenti rispetto al 2014/15, periodo in cui NOS aveva svolto una ricerca simile, prima che il sistema di “grants” venisse sostiuito dai prestiti. 

Secondo NOS, un ex studente è classificato come inadempiente dopo aver saltato tre pagamenti e in caso di debito pari ad almeno 270 euro verso DUO l’agenzia governativa che eroga i fondi. 

In parole povere, tali ritardi si traducono in 76 milioni di euro di debiti insoluti, stando alle proiezioni di NOS. Nel 2015, 22.000 ex studenti risultavano “irrintracciabili”; si tratta di persone che probabilmente hanno lasciato il paese.

“Siamo severi con le persone che non vogliono pagare”, continua un portavoce di DUO. “Inviamo un ufficiale giudiziario al loro domicilio”.

L’importo totale dei prestiti conferiti agli studenti olandesi ha raggiunto 11,2 miliardi di euro lo scorso anno; di fronte a queste cifre, la decisione del governo  è stata radicale: procedere all’abolizione delle borse di studio a partire dal 2015.

Da allora tutti gli studenti, a parte quelli a basso reddito, hanno ricevuto prestiti fino a € 1.000 mensili per finanziare i loro studi. La ricerca dell’istituto per la spesa familiare Nibud nel 2017 ha mostrato che sette studenti su dieci hanno un debito alla fine del percorso universitario, la cui media è di circa € 20.000.