Uno studente dell’Università di Twente dice di aver sviluppato un algoritmo in grado di aiutare Twitter e Facebook a determinare se un account è stato hackerato. Meike Nauta dice che il suo algoritmo analizza sei punti dati in grado di determinare un hacking, con infallibilità del 99 per cento.

Nell’analisi, la studentessa ha determinato che un algoritmo che combini la frequenza di pubblicazione di messaggi Twitter, con la lingua di un Tweet, l’ora del giorno in cui è stata inviato, il dispositivo utilizzato per inviare il messaggio e i domini di tutti i collegamenti in esso, può quasi garantire se il titolare dell’account ha inviato il messaggio o meno.

“Se scopri un account hackerato entro 24 ore, puoi ridurre i danni del settanta per cento. Così, i tweet che contengano collegamenti dannosi vengono rapidamente rimossi in modo da causare meno danni “, ha detto Nauta a Computable. “Se utilizzi Twitter, ricevi sempre spam”, che  Twitter normalmente rimuove in fretta. “Tuttavia, è difficile rilevare lo spam se viene inviato da account hackerato“.

Nauta ha esaminato gli indirizzi olandesi di Twitter avvertendo i follower che i loro Tweets sono stati hackerati. La ricerca di Nauta è stata pubblicata e discussa alla conferenza di Webist a Porto, la settimana scorsa.