Il bundle del gestore T-Mobile che offre streaming illimitato ad alcune app per ascoltare musica non viola le norme sulla neutralità della rete; a sostenerlo è il tribunale di Rotterdam sospendendo la decisione dell’autorità olandese per le comunicazioni che aveva dichiarato il servizio contrario alla normativa sulla concorrenza.

Come racconta il quotidiano NU.nl, la società di telecomunicazioni si è rivolta al tribunale dopo che l’agenzia ACM le aveva ordinato  di sospendere il servizio nel mese di dicembre. Secondo l’ACM, lo streaming musicale senza dati è in violazione del principio di neutralità del web.

La corte ha deciso, quindi, che T-Mobile può mantenere il suo servizio. Mentre il c.d. ” zero rating”, ossia la possibilità per un provider di offrire accesso illimitato per alcuni tipi di servizi o applicazioni è vietato dalla legge olandese perchè in violazione delle regole nazionali sulla concorrenza, non lo sarebbe -invece- per la normativa comunitaria che tuttavia è prevalente.

 

Secondo il CEO di T-Mobile Soren Abildgaard  la sentenza sarebbe “una svolta in Olanda e in Europa”.

Bits of Freedom, una NGO impegnata nella libertà digitale non è soddisfatta della sentenza; secondo il portavoce Daphne van der Kroft a NU.nl, questo pronunciamento andrebbe a limitare la neutralità del web. Non è ancora chiaro se l’autorità olandese presenterà ricorso.