Dozzine di attivisti per i diritti degli animali sono stati arrestati per aver occupato un allevamento di maiali nella provincia del Brabante, ha confermato la polizia martedì.

La polizia ha sgomberato la fattoria intorno alle 22:00 dopo consultazioni tra il comune, il pubblico ministero e la polizia. Diversi allevatori sono confluiti sul sito e la polizia è intervenuta per evitare un ulteriore escalation della situazione.

 

Secondo i media locali, i contadini hanno rovesciato le auto degli attivisti. “Il sindaco di Boxtel ritiene irresponsabile che le persone si facciano strada in proprietà private e le occupino”, ha detto l’amministrazione comunale su Twitter. L’azione è stata rivendicata dal collettivo “Meat the Victims”.

Alcuni si sono seduti all’interno del granaio dei maiali mentre altri hanno scandito da fuori slogan come “non ci sono scuse per gli abusi sugli animali” Il gruppo afferma di aver scelto la fattoria a caso, descrivendola come un simbolo di tutto ciò che è sbagliato nel settore zootecnico. “Gli animali hanno diritti”, ha detto al Volkskrant un attivista, una donna americana che vive nei Paesi Bassi.

“Non tratteremmo mai cani o gatti così, ma pensiamo che sia giusto che i maiali non vedano mai la luce del giorno.”Ma il contadino Frank van der Burg, che è venuto a sostenere la famiglia proprietaria della fattoria ha detto al giornale che gli attivisti sono irresponsabili. “Abbiamo avuto l’influenza suina e ora 100 persone entrano nel fienile senza indumenti protettivi”, ha detto. Anche il ministro dell’agricoltura Carola Schouten e le organizzazioni di categoria hanno condannato il gesto degli attivisti.