Oggi, venerdì 23 settembre,l’avvocato dell’attivista anti-islamico e deputato Geert Wilders ha chiesto la sospensione delle accuse contro il suo cliente, nell’ambito della serie di udienze preliminari che precedono il dibattimento vero e proprio.

L’avvocato Koops ha chiesto che il tribunale si dichiari incompetente in materia perchè il “minder minder marokkanen” (meno, meno marocchini) sarebbe infatti parte del programma elettorale di Wilders che -a detta dell’avvocato- solo gli elettori possono giudicare. A supporto della sua tesi, il legale ricorda che il PVV è supportato da oltre un milione di elettori

Il parlamentare è incriminato per aver inneggiato all’odio alcuni dei suoi principali sostenitori, con slogan “anti-marocchino” dopo le elezioni locali nel marzo 2014.

Il caso viene discusso presso il tribunale di massima sicurezza dell’areoporto di Schipol.
Stando a quanto riportato dall’emittente NOS, l’avvocato Knoops solleciterà la Corte affinchè venga archiviato il caso

A knoops sono state concesse due proroghe perchè potesse avere più tempo per la preparazione del dibattito. I giudici non decideranno oggi sull’accoglimento delle richieste, tuttavia se rigettassero l’istanza, il processo inizierà alla fine di Ottobre.

Sono stati riservati 9 giorni per le udienze. La vicenda ebbe serie conseguenze per il PVV; 2 deputati, alcuni europarlamentari, una serie di consiglieri locali e provinciali decisero di abbandonare il movimento di Wilders, ritenuto troppo radicale

L’ufficio del Pubblico Ministero ha ricevuto circa 6.400 esposti.Nel 2010, durante una causa precedente, lo stesso accusato era stato considerato non colpevole per l’accusa di incitamento all’odio ed alla discriminazione .

Alcuni esperti hanno segnalato come questa situazione sia nettamente più grave della precedente.