Attenersi alle misure di base: l’appello è stato rilanciato ieri dal primo ministro uscente Mark Rutte e dal ministro Hugo de Jonge. Ma come fanno a sapere che non stiamo rispettando le misure, si chiede NOS. E come mai non tutti lo fanno? “Siamo stanchi “, afferma Frenk van Harreveld, professore di influenza comportamentale a NOS.

L’Outbreak Management Team (OMT) avverte nei suoi ultimi consigli che le persone aderiscono alle misure di base in meno della metà dei casi. Troppi trascurano le regole di base, dice l’OMT, ad esempio non restando a casa e non testandosi se hanno sintomi, non mantenendo le distanze e ventilando gli ambienti in modo insufficiente.

L’OMT ha utilizzato un ulteriore studio dell’Istituto di Sanità (RIVM) che riguarda la conformità e il sostegno per le misure Covid tra il 4 e l’8 novembre: poco più di 5000 persone hanno compilato un questionario.

Il sostegno per la misura di distanziamento è aumentato fino all’80%, ma la sua implementazione no. Nel caso delle visite di familiari e amici, il 20% degli intervistati afferma di riuscire a mantenere le distanze ma nel caso di shopping e lavoro, la percentuale scende.

La vaccinazione gioca un ruolo: chi è vaccinato si sente, erroneamente, non a rischio e spesso ignora le misure. Inoltre, un anno fa i giovani -considerati i principali “portatori” del virus perché loro raramente si ammalano- rispettavano le misure per tutelare la nonna. Ma ora, il gruppo di vulnerabili sono i no-vax  e molti non sentono la necessità di attenzioni particolari per loro.

“I vaccinati saranno sempre più stanchi di stare seduti a casa per proteggere le persone che alla fine stanno causando gran parte del problema”, dice Van Harreveld.

Il docente di scienze della comunicazione Bas van den Putte, titolare di una cattedra all’Università di Amsterdam ritiene importante che Rutte continui a ripetere il suo messaggio sulle misure ma il problema centrale è una crisi di fiducia. Quella del governo non è alle stelle e così la narrazione sul vaccino ne risente: “Il punto sul successo del vaccino non viene fatto per paura di perdere definitivamente i non vaccinati. Quindi sottolineeremo solo: attenersi alle misure. Ma dov’è la campagna che chiarisce che soprattutto le persone non vaccinate finiscono in IC ?”.