Photo credit: Sebastiaan ter Burg

Melanie Rieback maakt de Big Brother Award 2010 in de categorie bedrijven bekend: Trans Link Systems

 

Il governo olandese ha vinto il (poco) prestigioso premio di grande violatore della privacy con il sistema automatico di rilevamento frodi SyRI: questo sistema e il ministro della giustizia Dekker, sono stati “premiati” la scorsa settimana come grandi violatori della privacy.

Inaspettatamente il ministro è andato alla cerimonia a ritirare la (dis)onorificenza del watchdog sulla privacy Bits of Freedom proprio per la nuova policy che vuole incrociare dati del ministero per creare “profili di pagamento delle persone” e rilevare chi, secondo il sistema, è un potenziale futuro debitore. Il rischio è che un sistema tanto invasivo finisca per violare pesantemente la privacy.

Dekker, a margine della “cerimonia” ha sostenuto che la privacy “è un diritto fondamentale, ma è anche un diritto non assoluto, il governo ha anche un dovere di diligenza”.
“In questo caso, il CJIB utilizza i dati di pagamento peridentificare dove si possano accumulare debiti, non per controllare le persone ma semplicemente per aiutarle “, ha detto il ministro.

Un secondo premio è stato assegnato al cosiddetto System Risk Indication (SyRI), con cui il governo rileva la frode. Collegando tutti i tipi di dati dei cittadini rilevati, si tenta di creare “profili ad alto rischio” di commettere frodi. SyRI è molto controverso, scrive NOS, tanto controverso da essere stato criticato anche dall’ONU: il sistema rischia di profilare solo poveri e persone con background di minoranze etniche.