Gokmen Tanis, autore della sparatoria sul tram a Utrecht in cui ci sono stati 4 morti e 2 feriti, dovrebbe essere condannato all’ergastolo. Questa è la richiesta del pubblico ministero. L’attacco terroristico – così lo ha definito l’accusa – è avvenuto su un tram di pendolari il 18 marzo dell’anno scorso. L’imputato ha dichiarato di essere affetto da disturbi della personalità e da limitata capacità mentale. Tuttavia, sarebbe stato in grado di pianificare con lucidità la sparatoria sul tram a Utrecht. Per il Pubblico Ministero dovrebbe rimanere in carcere a vita, riporta AD.

Tanis sembra non rendersi conto delle sue azioni e non mostra segni di rimorso: ci sono poche possibilità che venga rilasciato. Inoltre, il rischio che commetta un altro attacco terroristico è molto alto. Tanis è stato rimosso dall’aula in più occasioni durante le udienze all’inizio di questa settimana. Una volta ha sputato sul suo avvocato e ha dato il dito medio al giudice. Alle parole di una delle vittime “Gokmen, non mi hai sconfitto”, ha risposto con “è un peccato”.

Nei Paesi Bassi l’ergastolo viene inflitto in situazioni di questo genere, con la possibilità di una revisione dopo 25 anni. Attualmente ci sono circa 30 detemuti che scontano l’ergastolo nelle carceri olandesi, tra cui diversi criminali pericolosi e Mohammed Bouyeri, l’assassina del regista Theo van Gogh.

Pic: Pixabay