Il principale sospetto dell’attacco di ieri mattina ad un tram nel quartiere di Kanaleneiland di Utrecht è stato arrestato. La notizia è giunta al termine di una conferenza stampa convocata dal “driehoek”, l’organo composto dal sindaco, il capo della polizia e il pm -responsabile per l’ordine pubblico- non ha fornito dettagli utili a comprendere il gesto del 37enne Gökmen T., trascorsi criminali ed un processo in corso per violenza sessuale.

La stessa dinamica della sparatoria non è stata ancora chiarita. Tre persone sono morte e altre cinque sono rimaste ferite. sono anche sconosciute. 
T. è stato arrestato in una casa del quartiere Oudenoord, a seguito di indagini su tracce lasciate su una Renault Clio rubata poco prima dell’attacco. Quella macchina è stata in seguito ritrovata abbandonata.

Nonostante la pista terroristica non sia stata ancora esclusa, le autorità hanno abbassato da 5 a 4 il livello di allerta. E spunta anche un’altra ipotesi: l’uomo, a detta dei familiari, potrebbe soffrire di problemi psichiatrici amplificati da una serie di vicende personali, tra le quali un divorzio e una relazione con la donna che lo ha denunciato per violenza sessuale.

In connessione con l’attacco, è stato arrestato anche un secondo uomo, sospettato di essere coinvolto.