Jean-Pol GRANDMONT, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

La decisione di inserire la città vallona è stata presa durante la 44a sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale che si è svolta a Fuzhou (Cina), dal 16 al 31 luglio, ed è stata resa pubblica sabato poco dopo le 14:30.

Una decisione attesa e accolta con commozione dai componenti della giunta comunale di Spa: “Ce lo aspettavamo dopo un riscontro positivo sulla domanda ma dopo quello che abbiamo vissuto in questi giorni, ci permette di allentare un po’ la pressione”, dichiara la sindaca Sophie Delettre.

Quello dell’iscrizione della città termale è un progetto iniziato nel 2006 e che ha coinvolto un totale di 11 località termali di 7 paesi europei: Baden bei Wien in Austria, Spa in Belgio, Vichy in Francia, Baden-Baden, Bad Ems e Bad Kissingen in Germania, Montecatini Terme in Italia, Bath nel Regno Unito e Karlovy Vary, Mariánské Lázn e Františkovy Lázn nella Repubblica Ceca.

Un elemento decisivo era già inserito nel documento pubblicato il 4 giugno da Icomos, l’organo consultivo del Comitato del Patrimonio Mondiale. La raccomandazione rivolta al Comitato è stata quella di iscrivere le “Grandi Città d’Acqua d’Europa” nella Lista del Patrimonio Mondiale in quanto costituiscono un’eccezionale testimonianza del fenomeno termale europeo che conobbe la sua massima espressione tra il 1700 e gli anni ’30 del ‘900.

Il primo obiettivo della lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO è proteggere il patrimonio termale attraverso un “marchio di qualità” riconosciuto a livello internazionale. Ma è anche un’occasione per realizzare un “progetto di città” intorno al patrimonio, assicurare uno sviluppo con ricadute positive per il turismo, l’occupazione, l’ambiente di vita o anche per rafforzare l’orgoglio di Spadois per la sua città: “È un riconoscimento opera di conservazione e valorizzazione del patrimonio che la città intraprende, aggiunge il sindaco. Voglio ringraziare tutte le persone che hanno portato avanti questo progetto. Da ora in poi inizierà una nuova avventura con un piano di 62 azioni”, dice 7sur7.