The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Sospesi nel limbo dal corona #1 / Bloccati in Portogallo. Volete tornare in NL con KLM? 1600 euro



É notizia di qualche giorno fa che molti paesi stavano annullando tutti i voli per prevenire la diffusione del virus. Mentre le compagnie low-cost suggerivano ai viaggiatori dei voli cancellati di prenotare il prima possibile un nuovo biglietto, la compagnia di bandiera KLM aveva garantito la presenza di voli per poter rimpatriare tutti i passeggeri.

Sì, ma a che prezzo.

In luna di miele al tempo del Corona virus

Lorenzo e la moglie vivono ad Amsterdam. Avevano prenotato la luna di miele alle Azzorre da oltre sei mesi con partenza il 13 e ritorno il 23 marzo. Un viaggio desiderato da tempo ma quando il virus stava già diffondendosi in Italia, la situazione nei Paesi Bassi era ancora tranquilla. La coppia italiana, pur consapevole dei rischi e di qualche disagio che avrebbe incontrato durante il soggiorno, decide comunque di partire, anche per non perdere i soldi del viaggio.

Il 13 marzo atterrano a Lisbona, nessun controllo particolare, neanche la temperatura corporea. Stessa cosa quando arrivano a Ihla di São Miguel, la più orientale delle isole delle Azzorre. Il 16 marzo le cose iniziano ad evolversi velocemente: gli isolani cominciano a tenere i turisti a debita distanza e i due comprendono di essere esposti a un concreto rischio quarantena se avessero provato a cambiare isola. Rimangono a São Miguel e si godono qualche giorno di relax.

Quando però i voli iniziano ad essere cancellati, Lorenzo e la moglie decidono di anticipare la data di rientro. Ieri, 18 marzo, acquistano un biglietto per Lisbona con coincidenza per Amsterdam. La partenza del volo, tuttavia, viene continuamente ritardata, tanto che i due arrivano a Lisbona soltanto a notte fonda. Avendo ormai perso il secondo aereo, vengono dirottati sul primo volo utile di stamattina.



Bloccati in Portogallo. 1600 euro per tornare ad Amsterdam

Quando giungono in aeroporto nella mattinata di oggi, inizia la loro piccola odissea: il volo è stato cancellato, primo aereo disponibile il 22 marzo, linee telefoniche intasate, l’ingresso presidiato dalla polizia che lascia entrare solo chi è in possesso di un biglietto.

Presi dallo sconforto, contattano l’ambasciata italiana in Olanda e quella olandese in Portogallo. Entrambe gli confermano che non possono ancora intervenire “in questa fase” e di rivolgersi alle compagnie poiché non prevedono ancora il rimpatrio. La coppia inizia a cercare un nuovo volo e qui l’amara sorpresa: volo diretto Lisbona-Amsterdam KLM a 1619 euro, e il più economico Air France a 1124.

Alla fine incontrano un’operatrice della Tap, linea di bandiera portoghese, che riesce a farli entrare ed aiutarli a cambiare con un piccolo supplemento il volo di rientro. Ultimi tre biglietti disponibili, quando invece l’aereo Tap era vuoto a metà e con tutti i passeggeri assiepati nelle stesse file, incuranti delle distanze di sicurezza.

Storie simili si sono verificate negli ultimi giorni negli aeroporti di mezzo mondo.

Una vicenda a lieto fine per la coppia di Amsterdam, nonostante i piccoli disagi. Ma cosa ne è di tutti i passeggeri che non sono riusciti a imbarcarsi su un volo che non costi molto più del prezzo abituale?








31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!