Chiusura di due settimane, per i locali de l’Aia che discriminano gli avventori per il colore della pelle. La richiesta arriva dai partiti di sinistra PvdA, GroenLinks e HSP in seguito all’inchiesta del programma televisivo Undercover in Nederland.

Nell’episodio andato in onda domenica, veniva mostrata la pratica discriminatoria di alcuni locali di Den Haag e Breda, che hanno rifiutato l’ingresso a giovani di colore e ad altri di origine marocchina dando invece il benvenuto ad un gruppo di coetanei bianchi.

“Se le imprese nell’Horeca pensano di discriminare le persone a causa del lcolore della  meritano una risposta decisa”, ha detto la consigliera Abderrahim Kajouane (PvdA). I partiti vogliono un’ordinanza di chiusura per i locali che discriminano. A cominciare da quelli immortalati nel video.

Visita a sorpresa
I partiti di sinistra ritengono che la misura sia colma: in risposta alla rivelazione del programma Undercover in Nederland, l’assessore Rabin Baldewsingh (PvdA) invierà “mistery guests” per ispezionare le policy alla porta.

Più azioni
PvdA, GroenLinks e HSP non vogliono la chiusura dei locali ma la certezza che nessuna pratica discriminatoria venga messa in atto. In tre dei cinque bar – Millers, Barlow e The Paap – i ragazzi di colore sono stati rifiutati mentre ai ragazzi di origine marocchina è successo al Millers. I ragazzi bianchi non hanno, invece, avuto problemi da nessuna parte.