A meno di una settimana dal voto il “sondaggio dei sondaggi“, ovvero una media tra i rilevamenti effettuati dai più importanti istituti demoscopici del paese, indica il sorpasso del partito del premier che sarebbe dato ora due seggi sopra il PVV di Wilders.

Il sondaggio dei sondaggi assegna al VVD tra i 24 e i 28 seggi mentre al PVV una forbice tra i 21 e i 25. I democristiani sono al terzo posto con una previsione di 18 -20 scranni. Il processo di formazione del governo -quindi- sarà lungo e complesso, dice il Telegraaf,

L’ex primo ministro CDA Dries van Agt, che è stato coinvolto nella più lunga trattiva che si ricordi, crede che il suo record di 208 giorni potrebbe essere questa volta infranto. ‘Non è necessario azzardare profezie per capire che si tratterà di un processo molto difficile’ ha detto al giornale di Amsterdam.

Secondo l’ex leader laburista Wouter Bos, saranno necessari almeno quattro partiti. E a differenza del 2012, i leader delle formazioni più grandi -in realtà- non sono in competizione come fu nel 2012 per Rutte e Samsom. La maggior parte degli osservatori ritiene che il gabinetto sarà formato da VVD, CDA, D66 con l’aggiunta di una o più formazioni.