The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

POLITICS

Sondaggio: PVV in lieve calo, altri partiti stazionari. ING: non ci sarà un “governo Wilders”

Secondo un rapporto degli economisti di ING Martin van Vliet e Dimitry Flemming, le probabilità di una coalizione con il partito islamofobo sono limitate



Secondo un sondaggio dell’Istituto Peil -fondato e diretto da Maurice De Hond- se si votasse oggi il PVV, partito di Geert Wilders, perderebbe un seggio rispetto all’ultimo rilevamento. In base ad un’indagine pubblicata l’8 gennaio, infatti, per la prima volta da mesi il movimento anti-islam perde seggi. Tuttavia, l’emergere di altre formazioni che puntano all’euroscetticismo, potrebbe aver redistribuito il consenso: secondo lo stesso sondaggio, infatti, a Forum Voor Democratie, un partito fondato lo scorso anno dallo storico Thierry Baudet viene assegnato un seggio. Il movimento, nato come un think-tank vicino al sito populista Geenstijl. Non si sposterebbe, quindi, l’asse -che rimane orientato in maggioranza sul voto populista-conservatore ma i voti sarebbero redistribuiti tra le molte formazioni che puntano ai consensi di Wilders.

Intanto, secondo gli economisti di ING Martin van Vliet e Dimitry Flemming, l’eventuale vittoria elettorale del PVV non causerà scompensi al sistema: in un rapporto denominato Molto rumore per nulla … , infatti, elencano le ragioni per cui -secondo loro- il partito di Wilders sarà irrilevante. In primis, la frammentazione del sistema politico: al leader islamofobo servono alleati, altrimenti sarà impossibile per lui, da solo con il suo partito, formare una coalizione.

 

Il “cordone sanitario” contro il PVV da parte delle altre formazioni, ad esclusione del VVD che non ha chiuso del tutto all’ipotesi di una coalizione con Wilders, ed altre combinazioni di centro-sinistra meno “traumatiche” rendono più probabile che il PVV non sarà nel futuro governo.

Infine, la legge attuale non consentirebbe un referendum sulla permanenza nell’UE, il c.d. NEXIT, ossia l’omologo olandese del BREXIT: sarebbe necessaria una modifica legislativa che allo stato attuale non ha numeri per essere implementata.

 

 

 



31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!