The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Sondaggio, 51% dei pazienti Covid dice di aver contratto il virus a lavoro



Un sondaggio a cadenza settimanale che ha monitorato la diffusione del coronavirus in Belgio ha dimostrato che più della metà degli intervistati ritiene di essere stata infettata sul posto di lavoro.

I risultati derivano dalla nona fase del sondaggio online, durante il quale 192 intervistati hanno dichiarato di aver eseguito un test – che si è poi dimostrato essere positivo al coronavirus – e che erano certi o quasi certi di poter identificare la persona che li aveva infettati. I risultati dell’indagine mostrano inoltre che il 51% degli intervistati sospettava di aver preso il virus sul posto di lavoro.

Le famiglie sono il secondo posto più comunemente riportato come fonte di infezione, con il 24% degli intervistati positivi a Covid-19 che affermavano di aver contratto il virus a casa. Secondo i risultati del sondaggio, gli intervistati che hanno affermato di aver preso il virus a casa vivono generalmente in famiglie più numerose. “Solo il 10% di tutte le infezioni è stato contratto in un negozio, secondo gli intervistati”, hanno riportato i ricercatori. I ricercatori hanno anche sottolineato un dato da loro definito “sorprendente”: su un totale di 98 individui che hanno sostenuto di aver contratto il virus sul posto di lavoro, 59 (60%) erano operatori sanitari.

Il sondaggio, guidato congiuntamente dall’Università di Anversa, dall’Università di Hasselt e dalla KU Leuven University, è stato lanciato a metà marzo e da allora è stato condotto ogni martedì. Ha lo scopo di raccogliere prove su come il virus si diffonde nella popolazione sondando le persone sulle loro abitudini e la risposta alle normative in tutta la pandemia.

Le precedenti fasi del sondaggio avevano portato alla luce due dati principali. Sotto il punto di vista del comportamento individuale, si è scoperto che le persone che avevano affermato di avere sintomi riconducibili al coronavirus non indossavano protezioni in luoghi pubblici; per quanto riguarda invece le dinamiche sociali, è stato dimostrato che i belgi non si fidano del fatto che i propri concittadini seguano adeguatamente le regole anti-coronavirus.

Durante le prime otto fasi di ricerca, i ricercatori hanno dichiarato che erano stati compilati 2.117.834 sondaggi e circa 100.000 intervistati in Belgio hanno preso parte ai sondaggi nelle ultime settimane. “Speriamo quindi, nella decima fase, di avere un numero di nuovi partecipanti tale da permetterci di affinare le nostre intuizioni su queste dinamiche con un campione più ampio”, hanno scritto i ricercatori.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!