Se a vaccino disponibile, i medici di base giocheranno un ruolo centrale nella vaccinazione delle persone vulnerabili e degli anziani contro il virus, allora dovranno essere in grado di contribuire con idee su come farlo al meglio. Scrive NOS, basandosi su commenti dell’associazione dei medici di famiglia LHV.

“La cosa più semplice è che si avvicini a come, ad esempio, viene ora somministrato il vaccino antinfluenzale annuale”, afferma il presidente di LHV Ella Kalsbeek a NOS Radio 1 Journaal. “Ma se le cose si dovessero complicare, il vaccino che deve essere conservato a meno di 80 gradi, allora sarà meglio somministrarlo nelle case di cura o negli ospedali”. Afferma Kalsbeek sottolineando che i medici di famiglia potrebbero non avere strumenti sufficienti.”Ma vogliamo che i trattamenti regolari continuino.”

RIVM prevede che il ciclo di vaccinazioni richiederà almeno un anno. Kalsbeek è più ottimista: tutto dipenderà dal ritmo di produzione del vaccino. Ma se le cose dovessero mettersi per il meglio, la prossima estate la pressione sugli ospedali sarà stata ridimensionata.