Pic: Smiley.toerist Source : Wikimedia  License: (CC BY-SA 3.0) 

La rimozione dei graffiti dai vagoni è costata alla compagnia ferroviaria nazionale SNCB  6,15 milioni di euro l’anno scorso, circa 800.000 euro in più rispetto al 2019.

Interrogato sul costo in parlamento, il ministro federale della Mobilità Georges Gilkinet ha aggiunto che il “centro operativo di sicurezza” della SNCB ha ricevuto 101 segnalazioni per atti vandalici sui treni quest’anno”.

“Il costo dipende non solo dalla superficie interessata, ma anche dal tipo di vernice utilizzata e da quanto tempo i graffiti sono stati lì”, ha spiegato al Brussels Times Bart Crols, portavoce della SNCB.

“È quindi importante rimuoverli il ​​prima possibile”.

La SNCB effettuerà ispezioni e monitoraggi approfonditi nei luoghi in cui sono immagazzinati i treni e i trasgressori colti in flagrante saranno perseguiti.

Nel frattempo sono pervenute 147 chiamate per atti vandalici sui treni, e le riparazioni ammontano a circa 1,12 milioni di euro.

In totale sono pervenute poco meno di 250 chiamate, come negli anni precedenti, tuttavia il costo per la rimozione dei graffiti ha continuato a crescere rispetto agli anni precedenti, si è passato dai circa 4,2 milioni di euro del 2018  ai 5,34 milioni lo scorso anno.