Stando a quanto riportato dall’ANP, il Sindaco del Comune di Pekela Jaap Kuin ha emanato un decreto di d’urgenza lo scorso mercoledì, 15 settembre, dopo aver avuto notizia di un assembramento di richiedenti asilo nei pressi del centro di accoglienza Oude Pekela, a Groningen.

Il post sui social invitava i rifugiati che si sentissero stanchi di alloggiare in quella struttura ad andarsene per la propria strada. La reazione di alcuni di loro è stata quella di riunirsi nel parcheggio di un ristorante non lontano dal centro e distribuire volantini nei quali veniva lanciata una protesta prevista per la giornata di domenica 18 settembre. Sono circa 100 i residenti usciti dalle proprie case per capire cosa stesse succedendo.

Secondo le dichiarazioni della Polizia nessuno è stato arrestato. Attualmente, sono molti gli episodi di protesta che coinvolgono i profughi. Il Sindaco ha messo in luce come sia al corrente della situazione e sia lui sia la polizia insieme al COA, agenzia che si occupa di richiedenti asilo, comprendano i timori dei residenti del comune di Pekela.