Secondo il sindaco di Bruxelles, Philippe Close, il Belgio dovrebbe fare dei test per il coronavirus negli aeroporti e nelle principali stazioni ferroviarie, ha affermato il sindaco di Bruxelles Philippe Close.

“Potremmo aprire dei primi centri prova all’aeroporto di Zaventem e nelle principali stazioni ferroviarie“, ha detto Close in un’intervista a La Libre pubblicata martedì.

“Scesi dal treno, o dall’aereo, basta dedicare dai 10 ai 15 minuti del proprio tempo, ma garantisce certezza.”

Nell’intervista, il sindaco della città di Bruxelles ha affermato che l’approccio ai test e al tracciamento in Belgio è ancora troppo complesso per i cittadini.

Rispetto all’estero, qui è tutto troppo poco pratico. In altri paesi, puoi fare il test ovunque e in qualsiasi momento, indipendentemente dal fatto che tu sia residente nel paese in questione”, ha detto.

Ma anche per i residenti belgi, fare il test “richiede troppo tempo ed è troppo complicato”, ha aggiunto.

Devi compilare un modulo per ogni piccolo passo, tutto richiede troppo tempo ed è troppo complicato.”

La città di Bruxelles ha creato una lista di centri accessibili per le persone che non hanno sintomi o che desiderano sottoporsi a test prima di andare all’estero, ma senza una nota medica, il sistema di sicurezza sociale non copre i costi del test.

Close ha sottolineato che, mentre i funzionari di diversi governi belgi fanno a gara per impedire che i tassi di infezione aumentino ulteriormente, il paese dovrebbe prestare attenzione ai consigli degli esperti e testare massicciamente le persone per il virus.

“I paesi vicini, e altri in Europa, stanno effettuando uno screening molto più ampio. Anche l’OMS richiede test di massa: non possiamo fare l’impossibile, ma non dovremmo ingannare i cittadini”, ha detto.