Secondo la sindaca di Amsterdam, Femke Halsema: ‘La cultura criminale e violenta [in città] assume gradualmente tratti italiani’ , scrive il Parool riferendosi ad una missiva inviata dalla prima cittadina della capitale al Parlamento.

La scena criminale legata alla  droga che si concentra ad Amsterdam e Rotterdam deve essere ridotta e la Kamer deve dare priorità a questo aspetto, affermano nella lettera alla Kamer i sindaci Femke Halsema che ha redatto la lettera insieme al collega sindaco della seconda città olandese, Ahmed Aboutaleb. Mercoledì sera è previsto un dibattito sull’argomento presso la Camera olandese.

 

“Rischiamo di finire in un vortice di cultura criminale e violenta che sta progressivamente assumendo connotati italiani”, hanno detto i sindaci. “Non si tratta solo di combattere i conflitti per il controllo del mercato della droga, ma vediamo anche la violenza esercitata come manifestazione di potere e con l’intenzione di stravolgere lo stato costituzionale democratico”, riporta il Parool.

Halsema e Aboutaleb si riferiscono alle esecuzioni degli ultimi anni, “con il tragico punto più basso degli omicidi del fratello del pentito [Nabil B. n.d.r.], l’avvocato Derk Wiersum e il giornalista Peter R. De Vries. Giornalisti, avvocati, politici e persone con un incarico pubblico devono essere protetti”, dice ancora la lettera.