Al Binnenhof, i parlamentari olandesi attendono con trepidazione i risultati del Brexit. “Se l’Inghilterra uscisse dall’UE saranno guai per tutti noi”, avrebbe detto un deputato del CDA al quotidiano Volkskrant. Il timore è soprattutto per Geert Wilders che cavalcherebbe senza tanti complimenti l’ondata che seguirebber ad una vittoria dei Leave. Nei Paesi Bassi, infatti, la minaccia all’europeismo non arriva solo da destra ma anche da sinistra: l’SP, pur non chiedendo l’uscita dall’UE, insiste con forza per una revisione dei trattati che distanzi l’Olanda da Brussel. Anche i socialisti, comunque, sono favorevoli ad un referendum.

Il Nexit, insomma, non è piu’ un argomento tabù in Olanda e il timore dei pro Europa, il VVD partito del premier e il partner laburista Pvda, è che l’ “effetto contagio” possa condizionare la campagna per le politiche del prossimo anno.

Secondo un recente sondaggio realizzato dal programma Een Vandaag, la maggioranza degli olandesi vorrebbe esprimersi sulla permanenza in Europa anche se, attualmente, l’addio a Brussel è un’istanza minoritaria.