Il partito liberale D66 e i laburisti del Pvda hanno presentato un progetto di legge in parlamento, che consentirebbe -qualora approvato- di avere la doppia nazionalità nei Paesi Bassi. Attualmente, i cittadini olandesi che prendono una seconda Nazionalità perdono il diritto al passaporto olandese, mentre la maggior parte degli stranieri non possono naturalizzarsi se hanno anche un altro passaporto.

La proposta, presentata dal deputato laburista Ahmed Marcouch e da quello del D66 Sjoerd Sjoerdsma, afferma che l’attuale posizione olandese sulla doppia nazionalità è fuori dalla storia. Migliaia di cittadini olandesi hanno scoperto che non sono più olandesi dopo aver chiesto una seconda nazionalità.

Questo, ha detto Sjoerdsma al Volkskrant, rende loro più difficile tornare in Olanda. Inoltre, ‘l’idea che la fedeltà ad un paese può essere mostrata con uno scambio di passaporti è un pò datata, dicono i due proponenti.

“In un momento di crescente polarizzazione, è importante che tutte le persone olandesi sentano di appartenere ai Paesi Bassi,” Marcouch ha detto al Volkskrant. Il D66 pone fiducia nella possibilità di approvare la norma. “Dopo quattro anni di no da parte dei laburisti, spero che il partito laburista non stia utilizzando questo mezzo per raccogliere voti in vista delle elezioni generali”, ha detto il deputato del D66.

Si può  diventare olandesi dopo aver vissuto nei Paesi Bassi per cinque anni, o tre anni, se coniugati con un cittadino olandese – dopo il superamento di un test di integrazione. Tuttavia, il governo sta progettando di incrementare questo margine a sette anni. Tale normativa è in attesa di approvazione al Senato.