The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

CINEMA

Sesso, droga e strada: Quinqui, il cinema proibito spagnolo ad Amsterdam

A partire da ottobre i cinema underground di Amsterdam proietteranno rare pellicole di un genere ormai quasi dimenticato



El Vaquilla si è guadagnato il suo soprannome di giovane vitello per la sua abitudine di colpire i poliziotti o chiunque altro si sia messo sulla sua strada. Ladro professionista dall’età di nove anni, era famoso per i suoi inseguimenti in auto ad alta velocità con la polizia di Barcellona. Infatti, era così giovane che doveva usare cuscini e trampoli per raggiungere i pedali. A 12 anni ha accidentalmente ucciso una donna mentre cercava di strapparle la sua borsa da un’auto in movimento. Poiché le scuole di riabilitazione non potevano educarlo, lo stato lo ha messo in una prigione per adulti criminali quando aveva solo 15 anni.

Qui, le vicende di questo ragazzo sono diventate protagonista di un genere cinematografico che rompe la divisione tra cinema e vita reale come nessun altro movimento della storia.

Nel 1975, quando il dittatore Franco è sul letto di morte, la Spagna comincia ad aprirsi. Per mezzo secolo il paese era stato tagliato fuori dal resto del mondo, ma una volta che Franco è finalmente morto, tutti i cambiamenti sociali sono emersi tutti allo stesso tempo.

Il cinema non fa eccezione. Un esempio perfetto di un film impensabile solo due anni prima è Cambio de sexo (1977) che vede protagonista una giovane Victoria Abril nei panni di un diciassettenne che ha un’operazione per cambiare sesso. Dal momento che la pellicola è stato venduta come una sorta di film freak.erotico di secondo ordine, si può immaginare lo shock culturale che il pubblico ha subito di fronte a immagini così selvagge.

Nello stesso anno c’è stato anche un altro tipo di cinema che ha fatto irruzione sulla scena ma è poco conosciuto al di fuori del suo paese d’origine.

Anche se film come questi uscivano di tanto in tanto in altri paesi, è stato solo in Spagna che questi sono esplosi in un genere enorme a cui hanno dato un nome: cine quinqui.

La “febbre da Quinqui” è stata inizialmente introdotta attraverso un piccolo film chiamato Perros callejeros (Cani da strada). Ci sono stati due aspetti chiave in questo film che sarebbero diventati fondamentali per questo nuovo genere. Il primo era il suo focus sulla criminalità giovanile che dilagava in tutto il paese. In secondo luogo in questi film hanno recitato dei veri e propri teppisti adolescenti. La trama era basata sulla vita di El Vaquilla. Il regista voleva che il giovane ragazzo recitasse se stesso, ma il giovane è stato imprigionato mentre il film veniva girato, così il suo migliore amico è intervenuto per interpretare il suo ruolo.

Comunista e omosessuale, Eloy aveva fatto entrare sia la politica che l’immaginario bisessuale nei suoi thriller. Il suo esordio nel cine quinqui è stato Navajeros (1980), dove ha dato il ruolo da protagonista a Jose Luis Manzano, un adolescente analfabeta che Eloy aveva incontrato una notte in cui il ragazzo cercava di derubarlo per le strade di Madrid. Eloy lo avrebbe presto seguito con un film leggendario che, ancora una volta, ha spinto tutto a nuove vette. Si chiamava El Pico e introduce un nuovo tema che diviene immediatamente un marchio di fabbrica del cinema quinqui: l’eroina. Presto i drogati e le scene di iniezioni con aghi compaiono sugli schermi di tutto il paese.

Questi film erano come falò. Ambientato in una nuova forma di flamenco fresco e diabolico chiamato rumba pop, il film di quinqui diviene il cinema dei ragazzi esclusi, dei giovani emarginati che vengono infilati nelle baraccopoli alla periferia delle grandi città. I giovani attori provengono da quartieri poveri e molti di loro diventano celebrità sulle riviste nazionali. Contrapponevano giovani inquieti a un emergente mondo consumistico e hanno anche contribuito a mettere in luce un sistema di polizia corrotta poco diverso da quello della dittatura.

A partire da ottobre, i cinema underground di Amsterdam contribuiranno a mostrare il cine quinqui con una serie di rare proiezioni dedicate a questo genere proibito. Insieme ad ogni proiezione sarà disponibile una guida gratuita che illustrerà i temi e la storia di questo evanescente movimento.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!