Marc-AntoineV, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

In una lettera aperta, diverse decine di artisti contestano l’imposizione di Bernard Blistène a fianco di Kasia Redzisz nella nuova direzione artistica di KANAL, scrive De Tijd.

Kasia Redzisz, curatrice principale del Tate Liverpool, ha ottenuto sei voti che le hanno permesso di ottenere l’incarico di nuova direttrice artistica mentre l’altro candidato, Bernard Blistène, vecchio direttore del Pompidou a Parigi e mediatore officiale del contratto tra KANAL Bruxelles e Pompidou, ha ottenuto quattro voti, tra cui quello di Yves Goldstein, direttore del Kanal. 

In seguito alla votazione, Yves Goldstein avrebbe proposto al consiglio di amministrazione di annullare la decisione della giuria internazionale e di assumere Bernard Blistène a capo della direzione artistica, come riportato dagli autori della lettera pubblica. 

Un membro della giuria parlando con De Standaard ha detto che il compito della giuria era quello di scegliere un candidato. Cosa che hanno fatto. “Aveva più voti degli altri”, ha detto il membro della giuria, che ha voluto rimanere anonimo. “Avevamo già intuito che la dirigenza di Kanal era favorevole a Blistène, e questo è stato evidente al momento della votazione. Quella stessa sera, sono iniziate conversazioni sfacciate su come il voto poteva essere ‘corretto’”.

Questa decisione ha scaturito delle reazioni persino all’interno della sfera politica: la deputata Lotte Stoops (Verdi), chiede di discutere ciò che è realmente successo questo venerdì in parlamento a Bruxelles.