Il governo deve assicurarsi che le norme che regolano la gig economy siano chiarite e rispettate. Così il gruppo consultivo del governo SER (Economic and Social Council) dice nel suo nuovo rapporto.

Anche se le app di consegna (come Uber e Delivery), le compagnie di catering e i servizi di taxi hanno il diritto di essere innovativi, devono sottostare a delle regolamentazioni che dicano cosa possono e non possono fare. Il SER, che è composto da imprenditori e membri dei sindacati, è il più importante organo consultivo del governo. 

Lo status dei lavoratori della gig economy, e dei liberi professionisti in generale, non è chiaro,” sottolinea il SER. “Molte piattaforme, o app, usano i lavoratori come liberi professionisti, ma non è chiaro se siano veramente definibili in questo modo. Il SER invita a prendere al più presto decisioni su questa materia. Anche le autorità fiscali e gli ispettori del mercato del lavoro dovrebbero intensificare la loro supervisione sulla gig economy.”

Poche garanzie e stipendi bassi: come funziona la gig economy

Questo genere di app-agenzia è sempre più popolare, soprattutto, per le compagnie che non vogliono assumere un proprio staff. Inoltre, sono meno care delle tradizionali agenzie di reclutamento del personale.

“I cosiddetti ‘lavoratori delle app’, che lavorano sul campo, come gli addetti alle pulizie, gli autisti e i driver, spesso hanno poche garanzie, una paga bassa e nessun diritto a prestazioni di sicurezza sociale, come i sussidi per la disoccupazione”.

Le piattaforme spesso usano degli algoritmi per la suddivisione dei lavori e distribuzione. Questo può rappresentare un problema per l’autonomia e la privaci dei lavoratori delle app. Per risolvere questa questione, la legislazione olandese e quella europea dovrebbero cooperare“.

La Federazione sindacale FNV sta, attualmente, citando in giudizio Deliveroo, compagnia di consegna pasti, per la seconda volta. Questa volta, la FNV chiede che Deliveroo fornisca dei contratti permanenti e che paghi gli arretrati ai suoi lavoratori. 

Nel 2019, i giudici avevano stabilito che i fattorini potevano essere considerati pseudo-liberi professionisti e che dovevano essere pagati secondo la paga stabilita dal loro settore.

Il SER stima che solo l’1% della forza lavoro olandese opera per app. Allo stesso tempo, però, la presenza di queste piattaforme “può alterare il mercato, perché le regole che si applicano alle altre aziende non si applicano a loro”.

La ricerca mostra che 7 lavoratori per la gig economy su 10 sono sotto i 35 anni e che, il 66% di questi, devono integrare il proprio stipendio facendo altri lavori pagati.