Hhedeshian, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

Nell’era dello smartworking e dello streaming in alta qualità, Internet veloce sta diventando sempre più importante: si prevede che la domanda per questo aumenterà e basta, per questo motivo sempre più provider stanno investendo sulla fibra ottica, una tecnologia che rende possibile internet veloce. Oggi, il provider Zeeland Delta ha annunciato che investirà di più su questo tipo di infrastruttura.

Delta punta a due milioni di famiglie connesse entro il 2025. L’azienda ha già 900.000 abbonati e ora si rivolge a piccoli centri e città. In precedenza era stato annunciato che anche Open Dutch Fiber, con T-Mobile come primo cliente, voleva costruire un milione di connessioni nei prossimi anni mentre KPN sta recuperando terreno già da tempo.

Quasi la metà delle famiglie olandesi ha ora accesso alla fibra ottica, secondo i dati dell’ACM. Il regolatore pensa che al ritmo attuale, l’intero Paese possa essere connesso (ben) prima del 2030, dice NOS. Una piccola parte delle famiglie – 0,25% – non può ottenere la fibra perché è troppo costosa per il provider da installare.

“KPN sta sostituendo tutte le sue linee in rame con fibra di vetro, ma ci vorrà molto tempo. Di conseguenza, tutti vedono un’opportunità”. Sottolinea che Delta si concentra maggiormente sulle città più piccole e Open Dutch Fiber sulle città di medie dimensioni.

Secondo Poulus, sia Open Dutch Fiber che Delta incontreranno KPN e VodafoneZiggo durante la costruzione. “In generale, il mercato si sta muovendo verso due infrastrutture: cavo e fibra. In Olanda ci stiamo muovendo verso tre infrastrutture”. Quindi doppia fibra ottica, installata da due provider, e cavo.

Delta spera che KPN non cominci a scavare se lo fa, e affitterà strutture da Delta, pensa Poulus. “Ma questa circostanza è ancora aperta alla discussione. Probabilmente è più redditizio costruire le infrastrutture da soli”

L’installazione della fibra in vetroresina costa molto: si tratta di miliardi di euro che serviranno nei prossimi anni. Eppure sembra che ci siano pochi dubbi sul mercato se ne valga la pena. La fibra di vetro dura molto e l’investimento iniziale è facilmente ammortizzabile, dice a NOS Ton Koonen, professore emerito di reti a banda larga alla TU di Eindhoven.

Delta e T-Mobile cercheranno di sfondare il duopolio di KPN e VodafoneZiggo. Inoltre, i primi tre offrono fibra ottica. VodafoneZiggo opta per un percorso diverso: ‘gigabit senza scavare’. Il provider sta lavorando duramente per poter offrire a tutti i suoi clienti 1 gigabit al secondo tramite il cavo coassiale.