Chi attacca la polizia e altri operatori di pronto intervento non potrà più contare su pene alternative ma ai sensi di una legge proposta dai ministri della giustizia Ferd Grapperhaus e Sander Dekker, dovrà scontare sempre la pena in carcere. Il governo vuole rimuovere la discrezionalità dei giudici di decidere pene alternative per una più ampia gamma di reati.

Attualmente la restrizione si applica solo a reati di sangue e a crimini contro la persona come i reati sessuali. I partiti della coalizione VVD e CDA sostengono la misura, così come il partito PVV di Geert Wilders, ha riferito il Telegraaf, il che significa che probabilmente potrebbe esserci una maggioranza in entrambe le Camere del parlamento anche se gli altri partner della coalizione fossero contrari.

Il disegno di legge dovrebbe essere presentato in parlamento lunedì. L’anno scorso gli agenti di polizia hanno riferito di essere stati attaccati in servizio 10.593 volte, rispetto alle 9.598 dell’anno precedente. Sputi, auto speronate e altri tipi di aggressioni sarebbero all’ordine del giorno.

“La violenza contro agenti di polizia e operatori di emergenza è inaccettabile”, ha dichiarato Grapperhaus.