Aperti in Olanda i seggi riservati ai turchi nei Paesi Bassi per il referendum che, in caso di successo, darebbe al presidente turco Recep Tayyip Erdogan più potere. Circa 249.000 turco-olandesi possono votare  fino a Domenica, dice RTL Nieuws. In Turchia si va al voto il 16 aprile.

Se la maggioranza dei turchi voterà ‘si’ al referendum, Erdogan acquisirà più potere. Attualmente in Turchia il Primo Ministro è responsabile del governo e il presidente è una figura esclusivamente rappresentativa. Erdogan vuole cambiare questo assetto: se la proposta ricevesse il via libera, il paese della Mezza Luna diventerebbe una repubblica presidenziale e il presidente sommerebbe le sue funzioni a quelle del primo ministro. La figura di quest’ultimo verrebbe abolita.

 

Il periodo antecedente al referendum è stato caratterizzato da forti tensioni tra la minoranza turca e il governo olandese;  ministri turchi volevano tenere comizi elettorali a Rotterdam, ma la possibilità è stata loro negata. All’aereo del ministro degli Esteri Melvut Cavusoglu è stato negato il permesso di atterrare nei Paesi Bassi e l’auto di un altro ministro è stata bloccata mentre tentava di raggiungere il consolato a Rotterdam.

La Turchia ha accusato i Paesi Bassi d nazismo e fascismo e ha annunciato una serie di sanzioni contro l’Olanda.