Lunedì si è registrato un nuovo record di infezioni di SARS-CoV-2 in Olanda, che si avvicina ancora di più alle 5000 infezioni al giorno predette una settimana fa dal Primo Ministro Rutte e dal Ministro della Salute de Jonge. Dati preliminari dal RIVM mostrano 4581 nuovi contagi nelle 24 ore prima di lunedì alle 10:00, battendo il record del giorno precedente del 14%.

Era anche più alto del 57% rispetto ai dati di lunedì scorso, e quasi un terzo più alto della media settimanale. Il trend di contagi in aumento ha causato il suggerimento da parte di Ernest Kuipers, responsabile della terapia intensiva, di nuove restrizioni sociali atte a rallentare la seconda ondata. Gli ospedali olandesi stavano curando quasi 900 persone per Covid-19 lunedì. Si prevede che il numero aumenti a 1000 entro una settimana.

Rotterdam (401), Amsterdam (351) e L’Aia (269) erano le tre principali città per numero di residenti infetti. Rotterdam ha visto un aumento settimanale del 47%, mentre Amsterdam del 46% e L’Aia del 19%.

Secondo i dati di lunedì mattina, 140,471 persone in olanda sono state riscontrate positive per il coronavirus. Schiermonnikoog è tuttora l’unico comune olandese a non aver mai riportato infezioni.

Dall’inizio della pandemia, il Covid-19 ha causato la morte di 6,461 persone nella nazione, compresi 7 decessi riportati dal RIVM lunedì. Altre 59 persone sono state ospedalizzate in relazione al coronavirus, con un totale di 12940 persone ammesse in ospedale dalla fine di Febbraio.