I Paesi Bassi sono pronti ad accogliere 6 dei 32 migranti intrappolati a bordo della nave di soccorso Sea Watch che batte bandiera olandese e da prima di Natale è ferma nel Mediterraneo, a causa del rifiuto dei governi costieri di consentire lo sbarco.

Secondo il Telegraaf, fonti del ministero della Giustizia affermano che i Paesi Bassi danno disponibilità a patto che lo sforzo sia condiviso anche dai partner europei.

Per ora, Germania, Francia e Portogallo si sono detti disponibili -in principio- ad accoglierne alcuni se la Commissione Europea desse indicazioni in questo senso.

Dopo che il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, ha annunciato di essere pronto ad aprire il porto a Sea Watch, nonostante la posizione contraria del governo italiano, la situazione potrebbe presto sbloccarsi.

I 32 migranti sono originari di Congo, Sudan, Libia ed Egitto. Tra loro sei minori, tre dei quali non accompagnati. La nave è attualmente in acque internazionali al largo delle coste della Libia.