The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

SEA WATCH

Sea-Watch, la nave battente bandiera olandese davanti a Lampedusa con 52 profughi a bordo. Braccio di ferro con Salvini



Dopo il dissequestro la nave della ong tedesca, battente bandiera olandese, si trova nuovamente di fronte un braccio di ferro con il ministro dell’interno italiano Matteo Salvini.

La questione, anche questa volta, è la responsabilità per un gruppo di 52 profughi salvati dalla nave della ong. Sea Watch ha rifiutato di riportare i 52 in Libia benchè il paese nord-africano, per la prima volta, abbia indicato un porto di sbarco. Ma per Sea Watch, la Libia -come confermato dalla Commissione Europea in un Tweet- non è un “porto sicuro”.

La nave si trova ora a largo di Lampedusa mentre il governo italiano continua a negare un porto per lo sbarco.

#SEAWATCH WON’T DISEMBARK SURVIVORS IN LIBYA – Tripoli is not a port of safety. It is a crime to forcibly return rescued people to a country at war, where they face unlawful imprisonment and torture. Italy promoting these atrocities and the #EU being complicit is outrageous. pic.twitter.com/kD7BQ6djEY

— Sea-Watch International (@seawatch_intl) June 13, 2019



31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!