The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Scuole chiuse: gli insegnanti non riescono a contattare 5.200 alunni

Scuole chiuse almeno fino alla fine delle vacanze di maggio. Un dirigente scolastico su cinque afferma di aver riscontrato difficoltà nella didattica a distanza, riporta Radio1. Gli insegnanti hanno dichiarato di non essere riusciti a mettersi in contatto con tutti gli alunni. Secondo un sondaggio dell’associazione dei capi di istituto AVS, la questione riguarda circa 5.200 alunni su quasi 1.000 scuole.

“Le scuole hanno telefonato, inviato e-mail, inviato messaggi sui social, fatto visite a domicilio e scritto lettere in diverse lingue”, ha dichiarato Petra van Haren, presidente di AVS . “Se non funziona, stanno reclutando dei responsabili per le assenze ingiustificate – non necessariamente per imporre multe, ma per stabilire un contatto nell’interesse dei bambini.” Già in precedenza, i capi di istituto della scuola primaria avevano riferito di avere difficoltà a contattare alcuni alunni.

L’AVS sta anche collaborando con l’organizzazione di beneficenza per abusi su minori Beweging tegen Kindermishandeling su un’app speciale per insegnanti e capi di istituto. Attraverso l’app possono segnalare casi sospetti finché le scuole restano chiuse.  All’inizio di questo mese, si è registrato un forte aumento delle telefonate alla linea dedicata ai bambini, per segnalare abusi sessuali ed episodi di violenza. Da quando l’Olanda ha adottato le misure anti-coronavirus, “aumentano le tensioni in casa e le persone si trovano confinate in spazi ristretti”, ha detto Suzanne Pappot dell’organizzazione Kindertelefoon. “I bambini non vanno più a scuola o nei circoli sportivi e anche i loro genitori stanno più a casa a causa del coronavirus.” Alla fine del mese scorso, secondo un sondaggio condotto su 1.028 capi di istituto, il 75% dei dirigenti degli istituti elementari è preoccupato per l’impatto della chiusura sui bambini vulnerabili. Molti genitori non sono motivati ​​ad aiutare i figli. Circa il 20% dei bambini è a rischio e le autorità locali sono invitate a impegnarsi di più per assicurarsi che i bambini siano al sicuro e che stiano studiando.

Pic: Pixabay