SCUOLA Gli istituti nei quartieri poveri faticano a trovare soldi. E a farne le spese studenti e insegnanti

Le scuole dei quartieri poveri faticano a trovare i fondi necessari per il mantenimento di una buona offerta formativa. Secondo fonti del Volkskrant, mancano i soldi per classi extra e attività di recupero nonostante gli istituti ricevano sussidi statali aggiuntivi da stato e comuni.

Eric van ‘t Zelfde, direttore del OSG Hugo de Groot di Charlois, Rotterdam, ha definito una “grande bugia” la percezione che l’istruzione nei quartieri poveri sia di bassa qualità. Le strutture, al contrario, sono per il dirigente “una rete di sicurezza per i ragazzi più disagiati e l’unica opportunità di avere un futuro migliore”, ma soprattutto ottengono ottimi risultati grazie alla forza di volontà degli insegnanti.

Succede infatti che i professori dell’Hugo de Groot lavorino in media 60 ore a settimana piuttosto che le normali 36, spesso senza straordinari pagati, perché mancano i fondi per assumere nuovi docenti. E scarseggiano anche i soldi per assistere i giovani, i quali molte volte presentano disturbi specifici dell’apprendimento e problematiche legate a povertà e violenza.

Ma Rotterdam non è un caso isolato. Kees Buijtelaar, direttore del Comenius Lyceum ad Amsterdam-West ha problemi nell’organizzare classi extra senza sforare i limiti di budget. Anche nella capitale succede allora che i professori lavorino gratis e che l’offerta formativa sia limitata dalla mancanza di denaro.

Mancano soldi, insomma. Un problema già sollevato lo scorso anno da una trentina di scuole primarie di Amsterdam, anche queste situate nei quartieri più poveri della città, che avevano protestato per la mancanza strutturale di fondi.

Il sottosegretario all’educazione, Sander Dekker eletto in quota VVD, per ora ha preferito non commentare la questione.

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli