Le famose lettere di I amsterdam a Museumplein dovranno essere rimosse. Lo slogan è diventato un simbolo per il turismo di massa e la giunta rosso-verde ha deciso di inviare un chiaro segnale.

Secondo il quotidiano Parool, il partito di maggioranza GroenLinks, che sembra essere supportato da D66, PvdA e SP ha chiesto Mercoledì di rimuovere le lettere -famose in tutto il mondo- dalla città per fermare le attività di marketing sotto la bandiera “I Amsterdam”.

L’annuncio arriva il giorno in cui NBTC, l’olandese Board of Tourism & Congresses, presenta una nuova ricerca che mostra che il turismo sta crescendo più rapidamente del previsto. Nei prossimi anni il numero di turisti nei Paesi Bassi aumenterà del 50%, da circa 40 milioni nel 2017 a 60 milioni nel 2030.

Secondo Jos Vranken, direttore di NBTC, è stato raggiunto un limite critico ad Amsterdam e un nuovo approccio al turismo è necessario, per cui l’interesse dei residenti merita maggiore attenzione, dice il Parool.

Femke Roosma, capogruppo GroenLinks al comune, che ha presentato la mozione per rimuovere il “serpentone” pubblicitario, I amsterdam non riguarda solo l’attrazione turistica delle lettere. “I Amsterdam è sinonimo di individualismo, mentre noi vogliamo essere una città inclusiva e diversa”,

Per quanto riguarda Roosma, la città non deve sostituire questa con un’altra campagna di marketing: la città è una città, non un prodotto da vendere.