Le banche e gli assicuratori olandesi metteranno i politici di spicco e le loro famiglie sotto stretta sorveglianza economica al fine di prevenire casi di corruzione, truffa e sostegno ad attività terroristiche. A sostenerlo è il quotidiano AD.

Il piano scatterà dall’estate e riguarderà il premier, ministri, parlamentari, giudici, capi delle forze armate e dirigenti delle società di stato. Le verifiche saranno estese anche ai familiari dei politici: partner, figli e persino genitori saranno sottoposti a questo stretto regime.

Secondo l’esperto di riciclaggio di denaro ed ex procuratore Cees Schaap, il fenomeno non è molto diffuso nei Paesi Bassi ma nonostante qualche dubbio da parte delle autorità finanziarie, che saranno investite di più lavoro, la mossa sembra essere necessaria per ragioni di trasparenza.