Il tribunale ha deciso oggi pomeriggio che lo sciopero nazionale dei trasporti pubblici non si svolgerà, se non limitatamente, martedì nella zona di Schiphol. Il sindacato FNV ammette la sconfitta ma è soddisfatto del risultato. Schiphol aveva richiesto che l’agitazione venisse vietata del tutto.

 

“Il nostro diritto di scioperare 24 ore nel trasporto pubblico rimane intatto, con l’eccezione di un numero limitato di treni da e per Schiphol, una grande vittoria per i sindacati e per il diritto di sciopero dei dipendenti”, afferma Leen van der List del sindacato FNV, dice RTL Nieuws.

Evert Jan van de Mheen, del sindacato CNV Vakmensen, definisce lo sciopero “uno dei più grandi nel nostro paese da decenni”.

Domenica si è svolta un’udienza d’urgenza sulla base di una richiesta proposta dal management di Schiphol che temeva conseguenze per l’aeroporto. Nessuna apertura al sindacato che chiedeva una trattativa sul caso.


Un treno dovrà quindi funzionare ogni 15 minuti da Schiphol a Amsterdam Centraal e viceversa tra le 5:00 e le 21:00. I treni si fermeranno anche alle stazioni di Lelylaan e Sloterdijk. La restrizione è stata imposta perché , secondo la corte, c’è un rischio reale per l’ordine pubblico.