Magalhães, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Dick Benschop, l’amministratore delegato di Schiphol, pensa che sia logico che il nuovo governo decida di aprire l’aeroporto di Lelystad, così ha detto Benschop domenica pomeriggio durante il programma televisivo Buitenhof, dice OmroepFlevoland.

Il CEO di Schiphol prevede che la programmazione ordinaria dei voli riprenderà a breve, dopo il crollo del numero di passeggeri a causa della pandemia. Quest’estate, Benschop prevede di tornare al 70% del 2019 e che l’aumento prosegua senza sosta.

Secondo lui, il ruolo dell’aeroporto di Lelystad è quindi ancora indispensabile, dice il media del Flevoland: per ridurre il fastidio e l’inquinamento intorno a Schiphol, i voli dei tour operator devono andare in altri aeroporti. Schiphol può così continuare a funzionare come hub per aerei intercontinentali, un mercato chiave per l’economia olandese, dice Benschop.

Secondo i calcoli, circa 100.000 persone sono sul piede di guerra per i fastidi arrecati da Schiphol mentre il numero, se aprisse Lelystad, sarebbe di gran lunga inferiore.

Tuttavia, l’opposizione alla riconversione dello scalo del Flevoland è forte: il piano non rispetta, infatti, gli standard ambientali e inoltre, la riclassificazione dello spazio aereo non è ancora definitivamente risolta, così quello spazio aereo non ha ancora una separazione formale tra militare e civile.