Non sarà solo un provvedimento di emergenza estivo, quello della riduzione dei passeggeri presso lo scalo di Amsterdam: anche dopo l’estate, soprattutto nei mesi di settembre ed ottobre, continuerà ad applicarsi un tetto massimo di viaggiatori per garantire l’agibilità dell’aeroporto, dice NOS.

Soprattutto nel periodo della pausa Tonale di ottobre, Secondo i calcoli il numero di passeggeri calcolato è già eccessivo: ben 3.500 passeggeri al giorno non potranno viaggiare a causa di questo tetto punto. In totale è previsto un numero massimo di 67500 passeggeri al giorno a settembre e di 69.500 ad ottobre.

Il modo in cui verrà implementato il metodo di riduzione verrà determinato dal coordinatore degli slot in consultazione con le compagnie. In questo modo verranno determinati quali voli e quelli viaggi non potranno avere luogo.

A causa delle misure, la capacità dell’aeroporto sarà inferiore a settembre-ottobre rispetto all’estate. Ad agosto si registra il numero massimo di passeggeri consentito e cioè 73.000, dice NOS.

Perché dopo l’estate, con un numero inferiore di passeggeri, dovrà comunque essere di molto limitata la capacità? Stando all’aeroporto, il problema è rappresentato dal carico maggiore di bagagli che portano i passeggeri subito dopo l’estate: cappotti e altri abiti invernali, aumentano di molto il volume e quindi l’impegno da parte del personale